Home / Novità / La leggenda di Bella Speranza

Archivio Cronologico

Servizi in Biblioteca

 

News Letter

Email:

Contatti

Biblioteca Comunale di Bortigali
Via Vittorio Emanuele III, 11
08012 Bortigali (Nu)
Tel. 0785 80171
Fax. 0785 80155
Email. info@bibliotecabortigali.it 

La leggenda di Bella Speranza

Popolarità:
74
7 voti
1 2 3 4 5
Zoom
Inserito il:
gennaio 2017

Autore:
Roberto Alba

Casa Editrice:
La Zattera


C’è un regno, tra le montagne di Su Gologone, la valle del Campidano, il mare di Orosei, tra Barumini, Gavoi, e Tramatza, a nord di Alghero dopo il bivio per Sestu, vicino al lago Omodeo per la statale 554, arrivando da Tempio prima di Cagliari. È il regno di Bellu Prèssiu, Bella Pesca per gli stranieri e Bella Speranza per i prescelti.
In questa terra ai confini della libertà giunge un giorno uno “straniero”, Amedeo Leccis, soprannominato il Conte di Buoncammino per i suoi trascorsi di colto galeotto nel carcere di Cagliari. Egli racconta di esserci arrivato per colpa del programma protezione testimoni; trova lavoro come barbiere e inizia a frequentare quella strana gente. Gli abitanti discendono da quattro banditi e da una puttana fatta Santa: Giannetta Martire. Custodiscono un segreto nel recinto delle magiche pesche, proprio al centro della piazza del paese. Amedeo si ritroverà suo malgrado coinvolto nel piano per conquistare quella libertà e giustizia che gli abitanti di Bellu Prèssiu sognano da sempre. La notte del 31 dicembre del 1999 tutto è pronto per il compimento della profezia. Amedeo non rinuncia, le parole dell’amico Felice trovano un posto nel suo cuore.

Commenti e Recensioni

Rispondi



(La tua email non sarà mostrata pubblicamente.)


Codice captcha

Fare clic sull’immagine per vedere un altro captcha.


'