Home / Novità / Il sequestro Rosas

Archivio Cronologico

Servizi in Biblioteca

 

News Letter

Email:

Contatti

Biblioteca Comunale di Bortigali
Via Vittorio Emanuele III, 11
08012 Bortigali (Nu)
Tel. 0785 80171
Fax. 0785 80155
Email. info@bibliotecabortigali.it 

Il sequestro Rosas

Popolarità:
80
9 voti
1 2 3 4 5
Zoom
Inserito il:
gennaio 2021

Autore:
Ettore Angioni

Casa Editrice:
Alfa Editrice


È il Natale del 1978. Pasqualba Rosas, studentessa diciasset- tene, figlia del noto gioielliere nuorese, e il suo fidanzato vengono rapiti in pieno centro a Nuoro. Tutta la città si mobilita per otte- nerne la liberazione e a centinaia supportano le forze dell’ordine nella ricerca dei rapiti. I parroci lo chiedono nelle omelie. E alle Grazie si decide di sostituire il tradizionale presepe con un ope- ra-choc: un gigantesco pannello, realizzato dal pittore Salvatore Pirisi, che raffigura un Gesù bambino imbavagliato e con le mani legate dietro la schiena, mentre due banditi gli puntano addosso i fucili. Sullo sfondo le ciminiere di Ottana che sbuffano fumo e una moltitudine di operai che chiedono lavoro. Il ritratto di un territorio in crisi morale, economica, spirituale, raccontano le cronache del tempo.

Un eccezionale documento che toccò le coscienze di molti, e ancora oggi di molti tocca i cuori. La storia di questo sequestro e di altri drammatici sequestri sono ricostruiti nella sua interezza da Ettore Angioni nel libro “Il sequestro Rosas”, 6° volume della collana “Il Romanzo della Superanonima Sequestri Sarda”. Nei volumi della collana si rivivono i drammi del piccolo Luca Locci, dei giovanissimi fratelli Giorgio e Marina Casana, di Pasqualba Rosas di Nuoro, dei tre inglesi Schild, padre, ma- dre e figlia, del commerciante Pietrino Cicalò, dell’industriale Pupo Troffa, tenuto in cattività per lunghi 8 mesi e del povero Giancarlo Bussi, un validissimo tecnico della “Ferrari”, che non avrebbe purtroppo mai fatto rientro in famiglia. Vicende tutte, che servono ad illustrare a tinte fosche uno dei periodi più bui e sconcertanti della nostra Isola. L’Autore, Ettore Angioni, già Procuratore Generale della Repubblica di Cagliari, Pubblico Ministero nel pro- cesso, racconta l’esperienza vissuta unitamente al collega Luigi Lombardini, dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Cagliari, nel portare a dibattimento i responsabili dei molteplici fatti delittuosi nel più gravoso, importante e delicato processo contro la delinquenza organizzata che mai sia stato celebrato in Sardegna.

Commenti e Recensioni

Rispondi



(La tua email non sarà mostrata pubblicamente.)


Codice captcha

Fare clic sull’immagine per vedere un altro captcha.


'